Il Maranello Village lancia un concorso per i tifosi Ferrari: in premio 150 soggiorni di Capodanno


Il Maranello Village, unico hotel a tema Ferrari nel mondo, festeggia i suoi primi 10 anni con un concorso sbalorditivo e mette in palio 150 soggiorni gratis per la notte di Capodanno a chi dimostrerà all hotel di essere un vero tifoso Ferrari.
Proprio dieci anni fa l’allora AD Ferrari Jean Todt e Piero Ferrari, inaugurarono il Maranello Village, perché diventasse un vero e proprio villaggio residenziale riservato ai dipendenti Ferrari e alle loro famiglie. Due anni dopo, nel 2008 la proprietà decise di aprire questo mondo totalmente ispirato alla Rossa ai clienti esterni, trasformandolo in hotel.
All’ingresso dell’hotel troneggia una favolosa monoposto di F1 in dimensioni reali e in tutti gli ambienti ricorre il tema Ferrari. Le camere e gli appartamenti sono distribuiti in 4 blocchi indipendenti dedicati ai circuiti storici di Daytona, Monza, Suzuka e Le Mans, così gli ospiti possono godersi la massima privacy ed entrare e uscire dall’alloggio senza bisogno di passare dalla hall.
Chi soggiorna al Maranello Village potrebbe scontrarsi con piloti di Formula 1 e Formula 3, campioni olimpici, dirigenti ed executive del team Ferrari, che ancora si fermano qui per motivi di lavoro, ma anche fare conoscenza con famiglie e appassionati di Ferrari che arrivano da ogni parte del mondo per respirare tutta l’atmosfera delle Rosse di Maranello.
Per festeggiare degnamente questo importante anniversario, l’hotel vuole regalare il soggiorno del 31 dicembre a tutti i tifosi Ferrari, dando la possibilità a chi non ha mai visitato Maranello di conoscere la fabbrica delle Ferrari, i Musei della Ferrari e anche tutte le realtà della Motor Valley.
Per partecipare al concorso basta inviare un pensiero o una foto che testimoni il proprio amore per la Ferrari sulla pagina ufficialehttp://www.hotelmaranellovillage.com/concorso-di-capodanno.html entro il 26 dicembre.
Se avrete vinto, sarete ricontattati dall’hotel quanto prima. L’offerta comprende il pernottamento la notte del 31 dicembre 2016 e la colazione del 1 gennaio 2017. Il numero di ospiti per vincitore è da concordare con l’hotel. La tassa di soggiorno obbligatoria è esclusa dall’offerta. Tutti i materiali inviati dagli utenti del concorso potrebbero essere usati sulla pagina Facebook dell’hotel.
Chi vuole fermarsi per il Cenone di Capodanno, c'è la possibilità di prenotare al Ristorante Paddock della struttura al costo di 80,00 € a persona.
Per maggiori informazioni potete contattare il Maranello Village Hotel & Residence al numero +39 0536 073 300 o via mail all’indirizzo info@maranellovillage.com.
Leggi articolo

GP Montecarlo 2016: tra qualifiche e campioni


Si sono terminate oggi le qualifiche del gran premio più famoso del Mondiale F1, vedendo Daniel Ricciardo in pole position davanti alle Mercedes di Rosberg e Hamilton e la Ferrari di Sebastian Vettel.

A Montecarlo la posizione di partenza conta tutto e purtroppo i piloti del team Maranello si posizionano quarto (Vettel) e 11mo (Raikkonen); quest’ultimo era sesto sul campo ma con l’handicap di dover arretrare di 5 posizioni causa sostituzione del cambio dopo le libere Q3.

In ogni caso non è detta l’ultima parola, è ancora una sfida affascinante quella che si preparano a vivere i piloti nella 6a prova del mondiale di automobilismo. Dopotutto Montecarlo rimane il GP più eccitante per i piloti, che reputano una vittoria tra le strade del principato come uno dei massimi traguardi da raggiungere nella propria carriera, insieme ad altri nomi illustri come Spa, Francochamps o Monza.

Ma qual è la storia della competizione del Principato di Monaco e cosa la rende la gara più attesa della stagione?

Il tracciato, nonostante sia il più corto del mondiale (3337 metri), è sede di numerosi record, sia riguardanti lo stesso gran premio, sia legati ai più famosi piloti che la Formula 1 ha potuto vedere.

L’esordio di Montecarlo nelle corse si deve alla volontà di Antony Noghes, fondatore dell’Automobile Club de Monaco (ACM), che nel 1929 per primo ha spinto a disputare una corsa automobilistica tra le strade del principato e al quale è ora dedicata l’ultima curva del circuito. Dal 1950, il gran premio di Montecarlo è entrato ufficialmente a far parte del campionato mondiale di Formula 1 e dal 1955 non è mai mancato nel calendario stagionale.

Tra i piloti che hanno lasciato il segno sul circuito monegasco, c’è assolutamente da parlare di Ayrton Senna soprannominato il “Re di Montecarlo”. Unico pilota, fino ad ora, ad aver vinto sei edizioni del gran premio: la prima nel 1987 al volante della Lotus e poi cinque vittorie di fila dal 1989 al 1993 a bordo della McLaren. Dopo Senna, un altro grande del passato ha lasciato il segno nel libro dei record: Graham Hill ha ottenuto cinque successi, al pari di Micheal Schumacher che è stato il pilota “moderno” più vittorioso a Montecarlo.

Il più vincente tra i piloti in attività è Nico Rosberg, che ha trionfato nel Principato nelle ultime tre edizioni e che spera anche quest’anno di poter stappare lo champagne insieme alla famiglia reale di Montecarlo.
Le qualifiche fanno pensare a una vittoria di Ricciardo, ma chissà che non sarà proprio un pilota della Ferrari a salire al primo posto del podio.

Domani 29 Maggio 2016 tutti collegati alle ore 14:00 per la diretta della gara e speriamo di sentire le campane di Maranello suonare.

 

Tratto da derapate.allaguida.it; larosarossaonline; news.superscommesse.it
Leggi articolo

La storia del Turbo


In passato la Ferrari ha utilizzato i motori turbo solo per soddisfare requisiti molto speciali ed insoliti: la politica italiana degli anni settanta e ottanta aumentava la tassa di circolazione sulle auto superiori ai 2 litri e l’attributo primario del Turbo era un motore di estrema potenza ma leggero e compatto.
Nel primissimo anno da costruttore di auto di F1 turbocompresse, la Ferrari si aggiudicò due corse (nella stagione 1981 Villeneuve con due vittorie consecutive a Monaco e Jarama) e nel 1982 le fu assegnato anche il titolo costruttori.
Nel 1986 il turbocompressore divenne obbligatorio e non esistevano limitazioni alla potenza. Nei due anni successivi però furono imposte limitazioni alla potenza e al carburante,  reintroducendo i motori aspirati e vietando i turbocompressi nella stagione 1989.
La creazione Ferrari più ammirata e ricordata che adottava questa tecnologia è una stradale progettata negli anni ottanta che ha dato inizio ad una discendenza di serie speciali: la 288 GTO.
Con il suo V8 da 400 CV e 2,8 litri è stata la prima Ferrari stradale turbo in cui l'utilizzo di materiali compositi per il telaio derivasse dall'esperienza Ferrari durante la stagione di Formula 1 del 1982.

All'epoca questo motore rendeva la GTO l'auto su strada più potente della storia della Ferrari, la prima a raggiungere i 100 km/h in meno di cinque secondi e una velocità massima di 304 km/h.
 La produzione era prevista per i 200 esemplari necessari all'omologazione dell'auto per le corse, ma GTO fu un tale successo che ne furono costruite 272.

Gli acquirenti erano pronti a pagare cifre importanti per un modello Ferrari dalle altissime prestazioni in edizioni limitata.Ora, naturalmente, il turbo è tornato.
Nelle vetture da strada, abbinato all’iniezione diretta, il turbo permette ai costruttori di continuare a migliorare le prestazioni riducendo le emissioni ed il consumo di carburante.

Per conoscere davvero le potenzialità delle turbocompresse venite a testarne le elevate prestazioni nella Ferrari California Turbo o nella nuova e bellissima 488 GTB.Curiosità:Da dove deriva lo stemma della casa automobilistica più famosa al mondo?Dopo la vittoria di Enzo Ferrari sul Circuito del Savio, a Ravenna nel 1923, la madre dell’aviatore Francesco Baracca gli donò come portafortuna uno stemma con un cavallino rampante.

Tratto da Ferrari Magazine
Leggi articolo

Il Museo Ferrari


I veri fan della rossa, ma anche tutti gli amanti dello sport , delle grandi auto sportive o semplicemente di una grande eccellenza italiana , non possono non visitare almeno una volta lo splendido Museo Ferrari . Il Museo di Maranello racconta la Ferrari di oggi e di domani, affondando le radici nella straordinaria storia del Cavallino Rampante. Ad una esposizione permanente dedicata alla Formula 1 ed ai Campionati del Mondo dove, oltre alle monoposto, al “muretto box” si può capire cos’è la telemetria e come guida un pilota in corsa, si aggiungono cinque sale che propongono mostre tematiche di grande interesse. Per i visitatori, molte altre attrazioni: una Sala Cinema con proiezione continua di filmati a tema, i simulatori di Formula 1 semiprofessionali, un set fotografico per salire a bordo di una Ferrari e conservare un ricordo personalizzato al termine della visita, la possibilità di misurarsi in un vero cambio gomme, i maxischermi per i Gran Premi, un grande Ferrari Store e l’accogliente caffetteria.
Leggi articolo

GTC4Lusso : l'ultima nata di casa Ferrari


E' l'ultima grande creazione del nostro grande amore rosso : la GTC4Lusso non è una "normale" sportiva , perchè anche questa volta il cavallino stupisce ancora...come sempre! Quattro ruote motrici e sterzanti , un motore 12 cilindri 6.262 cc che con i suoi 690 cv di potenza massima a 8000 giri, offre potenza progressiva e crescente anche ai regimi piu bassi , basti pensare che l’80% della coppia è già disponibile a 1.750 giri/min.In questo modo il propulsore Ferrari è in grado di garantire una grande prontezza in ogni momento,rendendo questo coupè scattante anche grazie al rapporto peso potenza da record e alla coppia massima di 697 Nm. Ma GTC4Lusso non è solo potenza e muscoli , ma anche grande novità tencologica : l'architettura della plancia DUAL COCKPIT permette finalmente anche al passeggero di utilizzare le funzioni dell'ampio computer di bordo con schermo da 10'' pollici full HD multi-touch posto al centro dell'abitacolo. Sono state migliorate anche l'isolamento acustico e i sistemi di climatizzazione interni . Insomma, c'e tutto quello che serve per andare comodi ad una velocità massima di 335 km/h , accelerando da 0 a 100 in soli 3,4 secondi su qualunque superficie : neve e pioggia non saranno più un problema grazie al sistema 4RM-S (quattro ruote motrici) brevettato Ferrari , gia presente sulla FF ma che ora include anche il controllo del differenziale elettronica E-diff e lo smorzamento delle sospensioni Se volete capire di cosa stiamo parlando...date un'occhiata qui : http://gtc4lusso.ferrari.com/it/
Leggi articolo

Inizio campionato del mondo 2016


Mancano pochi giorni alla prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Australia, e il mondiale 2016 ripartirà con tante novità!

Il calendario del Mondiale F1 2016 :

  •  20 Marzo Australia 
  • 3 Aprile Bahrain 
  • 17 Aprile Cina 
  • 1 Maggio Russia 
  • 15 Maggio 
  • Spagna 
  • 29 Maggio Monaco 
  • 12 Giugno Canada 
  • 19 Giugno Europa 
  • 3 Luglio Austria 
  • 10 Luglio Gran Bretagna 
  • 24 Luglio Ungheria 
  • 31 Luglio Germania 
  •  28 Agosto Belgio 
  • 4 Settembre Italia 
  • 18 Settembre Singapore 
  • 2 Ottobre Malesia 
  • 9 Ottobre Giappone 
  • 23 Ottobre Stati Uniti 
  •  30 Ottobre Messico 
  •  13 Novembre Brasile 
  •  27 Novembre Emirati Arabi 

Le novità : 

La novità più importante per tutti noi tifosi della Ferrari, che si presenta con la nuova vettura : la SF16-H, interamente progettata da James Allison e nelle mani di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen
Altra novità è la HAAS, scuderia americana che partecipa con motori Ferrari e farà da scudiero alla rossa di Maranello con Grosjean e Gutierrez.
Nei top team (Ferrari, Mercedes e Red Bull) i piloti quindi restano immutati
Leggi articolo